GLI ITALIANI E IL MAL DI SCHIENA

Vi riportiamo i dati di una ricerca eseguita nel 2020 su un campione di 39,9 milioni di italiani – di almeno 15 anni di età – che accedono regolarmente alla rete.

I principali risultati e la diffusione dei disturbi posturali

Quasi il 73% della popolazione adulta on line dichiara di soffrire di qualche tipo di dolore attribuito a una errata postura (valore stabile rispetto al 2018).

Il mal di schiena si conferma il disturbo posturale più diffuso.

Seguono: dolori al collo, alle articolazioni delle gambe, alle spalle e infine dolori alle articolazioni delle braccia e rispetto a due anni fa è aumentata la quota di quanti soffrono di più di un disturbo.

Il lockdown ha accentuato questi disturbi: durante questo periodo infatti il 39,9% di coloro che già soffrono normalmente di disturbi posturali hanno sofferto più del solito, il 47,4% come al solito e solo il 12,7% meno del solito.

Le donne lamentano maggiori fastidi degli uomini nella parte delle articolazioni superiori (spalla e collo) e la comparsa di disturbi posturali aumenta con l’avanzare dell’età, con alcune particolarità: i dolori alle articolazioni superiori (classici di chi passa molto tempo al PC) sono tipici delle fasce centrali d’età mentre i dolori alle gambe diventano fastidiosi dopo i 50 anni.

Il dato più allarmante è che il 45% di chi ha sofferto negli ultimi mesi di disturbi posturali non ha chiesto consiglio a nessuno. Questa quota si suddivide tra quanti non hanno bisogno di consigli perché hanno imparato a gestire questo genere di disturbi e quanti invece hanno sottovalutato il problema.

Da dove iniziare quindi?

Parlane con il tuo medico, fai una valutazione posturale.

Iniziare subito a prenderti cura del Tuo corpo, ascoltando i campanelli di allarme, ti aiuta ad evitare di incorrere nella cronicizzazione del dolore.

fonte: https://assosalute.federchimica.it/docs/default-source/area-media/4-indagine_gli-italiani-e-il-mal-di-schiena.pdf

Lascia un commento

Prenota ora la tua visita!

    Scrivici la tua richiesta
    Letta l'informativa sulla Privacy Policy del sito, acconsento il trattamento dei dati ai sensi dell’art. 13 d.lgs. 196/03 “Codice in materia di protezione dei dati personali”.